COME APRIRE UN RISTORANTE IN ITALIA: LA GUIDA PER PRINCIPIANTI

 

Immagina di avere in mente la strategia perfetta su come aprire un ristorante in Italia ma ti accorgi che manca qualcosa e non sai cosa. Non è fantasia, alla di fine di questo articolo saprai esattamente cosa fare per non sbagliare e non avere problemi?

Sei pronto? Perfetto, perché andremo a vedere un sacco di cose, eccole qui:

  • Idee utili a cui ispirarsi;
  • I requisiti morali e professionali necessari;
  • Le licenze e i requisiti strutturali;
  • Le autorizzazioni;
  • Gli adempimenti fiscali e normativi;
  • I corsi e la documentazione obbligatori;

COME APRIRE UN RISTORANTE: IDEE UTILI A CUI ISPIRARSI

Prima di buttarti a capofitto nella parte pratica su come aprire un ristorante dedica del tempo ad analizzare attentamente alcune idee utili che ti possono essere di ispirazione:

  1. Gli 8 trend della ristorazione.
  2. Come scegliere una location vincente.
  3. Tipologie ristorative che rientrano in questo settore.

Ricordati che il cliente moderno è cambiato rispetto al passato diventando un “consumaTTore” che ha ha voglia di essere:

  • Al centro della scena;
  • Autonomo nelle decisioni;
  • Più informato e “scaltro”.

Il cliente di fatto si sente forte nell’esercitare la propria scelta, vuole più servizio e più di qualità rispetto al passato.

Per questo motivo se vuoi aprire un ristorante non devi sottovalutare questa parte perchè il tuo locale, per fare soldi, deve diventare il luogo ideale per sperimentare dove TU avrai la possibilità di fare sentire il tuo cliente il vero protagonista.

Prima però di aprire un ristorante è bene dedicare un pò di tempo a questi 4 argomenti utili per non sbagliare:

trend della ristorazione

1.GLI 8 TREND DELLA RISTORAZIONE PIU’ IMPORTANTI

Dalla mia esperienza ho stilato gli 8 trend della ristorazione più importanti che ti possono servire come idee per aprire un ristorante, essi sono:

  1. Il cibo come fonte di benesserealimenti leggeri e con limitato apporto calorico e di grassi.
  2. Il controllo della filiera: la sicurezza del cibo come fattore principale.
  3. La ridefinizione del prezzo e del valore: l’attenzione del prezzo legato al valore che il cibo è in grado di trasferire.
  4. Uso di tecnologie per migliorare il servizio: uso di sistemi automatici per il servizio al tavolo.
  5. La sostenibilità: il rispetto dell’ambiente è l’elemento determinante.
  6. Ristorazione multistaking: il cibo diventa fonte di scambio con altre attività.
  7. Il ritorno alla condivisione: la condivisione e il dialogo al centro del locale.
  8. Il monoprodotto e l’iperspecializzati.

 

2. SCEGLIERE LA LOCATION IDONEA E VINCENTE

Prima di lanciarsi alla ricerca spasmodica e disordinata della ricerca del luogo dove ad andare aprire il tuo ristorante dovrai avere chiarito e scelto questi fattori:

  • Che concetto di ristorante vuoi aprire, a che target vuoi rivolgerti e che occasione di uso principale vuoi sfruttare;
  • Quanto ti costa l’affitto;
  • Ingombro e spazio necessario per la realizzare la cucina e la zona di somministrazione;
  • Lo spazio necessario per il parcheggio dei clienti e le zone di attesa all’esterno del tuo locale;
  • La legislazione locale;
  • Se la tua attività di tipo basico (pizzeria, pranzo veloce e tempo limitato) deve essere posizionato in una zona ad alto traffico e vicino ad uffici;
  • Se hai optato per un locale a tema ricordati che deve essere raggiunto in 20-25 minuti;
  • La concorrenza deve essere dello stesso livello del tuo locale perché crea un effetto positivo/negativo di riflesso sul tuo ristorante.

Arrivati a questo punto avrai scelto alcune possibili location per il tuo ristorante e le dovrai selezionare in funzione della zona valutando i seguenti fattori:

  • Valuta il traffico di passaggio;
  • Presenza di altre forme di intrattenimento nelle vicinanza;
  • Presenza di uffici;
  • Totale popolazione nel raggio di 16 km;
  • Età media della popolazione;
  • Percentuale di single che vivono nell’area;
  • Livello di reddito disponibile delle persone che ruotano attorno all’area di tuo interesse;
  • Strada principale o una sua traversa;
  • Orientamento del sole;
  • Passaggio tranquillo per potersi fermare;
  • Presenza di terrazza;
  • Zona di parcheggio;
  • Canna fumaria installata o con possibilità di poterla installare;
  • Costi generali rapportati al mq/anno.

4. LE TIPOLOGIE RISTORATIVE CHE RIENTRANO IN QUESTO SETTORE

Gli esercizi pubblici per la somministrazione di pasti e bevande (comprese quelle aventi un contenuto alcolico superiore al 21% del volume) e, tra cui rientrano la tipoliga di ristoranti, sono distinti, secondo la L. 287/1991, in:

  1. Trattoria o Osteria: alla riscoperta dei vecchi sapori di una volta.
  2. Il ristorante Vegano e Vegetariano: la cui cucina sarà rivolta a persone che prediligo frutta, verdure ed eventualmente pesce e uova.
  3. Pizzeria.
  4. Ristorante per bambini: non esistono particolare adempimenti, dovrai solo tenere presente che la tua attività deve essere a prova di bambini;
  5. Self service: tipologia di ristorante dove il servizio al tavolo è sostituito dall’asporto;
  6. Ristorante per cani.
  7. Ristorante sulla spiaggia: ristorante normale con vista su spiaggia.

5. TUTTI I REQUISITI STRUTTURALI CHE OCCORRONO PER APRIRE UN RISTORANTE

Per aprire un ristorante nuovo devi controllare se è in regola con le seguenti prescrizioni ed autorizzazioni in materia di:

Ricordo che la somministrazione può essere sospesa in assenza della regolarità dei locali.

Una volta stabilito l’idoneità protrai preparare  la SCIA (segnalazione certificata di inizio attività) da presentare al SUAP (Sportello Unico delle Attività Produttive) nel luogo dove hai deciso di aprire il tuo ristorante.

Comunque io consiglio, per non sbagliare, di chiedere all’ufficio del commercio del COMUNE dove aprirai il tuo ristorante, perché è lui l’ente preposto al riconoscimento di questo requisito.

REQUISITI MORALI E PROFESSIONALI CHE SERVONO PER APRIRE UN RISTORANTE

Ora che hai visto molte risorse utili, andiamo a vedere nello specifico una situazione che capita molto spesso: quali sono i requisiti iniziali obbligatori per aprire un ristorante in Italia.

Ci sono due requisiti fondamentali ed obbligatori che devi verificare se li possiedi:

  1. Morali;
  2. Professionali.

Vediamoli bene…

1. I REQUISITI MORALI

I requisiti morali sono quelli richiesti:

  • Dalla Legge 25 agosto 1991, n. 287. Non possono esercitare l’attività di somministrazione colore che:
    • Non sono stati dichiarati falliti;
    • Hanno riportato una condanna per delitto non colposo a pena restrittiva della libertà personale superiore a tre anni;
    • Hanno riportato una condanna per:
      • Reati contro la moralità pubblica e il buon costume o contro l’igiene e la sanità pubblica (compresi i delitti di cui al Libro II, Titolo VI, Capo II del Codice Penale);
      • Delitti commessi in stato di ubriachezza o in stato di intossicazione da stupefacenti;
      • Reati concernenti la prevenzione dell’alcolismo, le sostanze stupefacenti o psicotrope, il gioco di azzardo, le scommesse clandestine e la turbativa di competizioni sportive;
      • Infrazioni alle norme sul giuoco del lotto.
    • Hanno riportato due o più condanne nel quinquennio precedente per delitti di frode nella preparazione o nel commercio degli alimenti, compresi i delitti di cui al Libro II, Titolo VIII, Capo II del Codice Penale;
    • Sono stati sottoposti a una delle misure di prevenzione di cui all’articolo 3 della L. 27 dicembre 1956, n. 1423 ovvero siano stati dichiarati delinquenti:
      • Abituali;
      • Professionali;
      • Per tendenza.
    • Dal T.U.L.P.S i requisiti morali sono:
      • Negate, come riportato nell’art. 11:
        • A chi ha riportato una condanna a pena restrittiva della libertà personale superiore a tre anni per delitto non colposo o no ha ottenuto la riabilitazione;
        • A chi è sottoposto all’ammonizione o a misura di sicurezza personale o è stato dichiarato delinquente:
          • Abituale;
          • Professionale;
          • Per tendenza.
          • Revocate quando sopraggiungono o vengono a risultare circostanze che avrebbero imposto o consentito il diniego della autorizzazione.

Dato che i requisiti morali sono tanti e complessi ho pensato di scrivere un articolo più dettagliato sull’argomento che trovi a questo link.

 

2. I REQUISITI PROFESSIONALI

Prima di potere aprire un ristorante dovrai possedere l’abilitazione SAB (ex REC) ottenibile frequentando il corso di Somministrazione Alimenti e Bevande.

FAI MOLTA ATTENZIONE A CIO’ CHE RIPORTATO QUI DI SEGUITO

Il corso SAB è facoltativo se:

  • Hai lavorato come dipendente per almeno due anni negli ultimi cinque nel settore della ristorazione;
  • Possiedi un diploma di scuola alberghiera o equipollente: studi dove siano previste materie attinenti al commercio, alla preparazione o alla somministrazione degli alimenti.
  • Se sei coadiuvante (coniuge, parente o affine entro il terzo grado) per almeno due anni negli ultimi cinque nel settore della ristorazione

Dato che i requisiti professionali sono tanti e complessi ho pensato di scrivere un articolo più dettagliato sull’argomento che trovi a questo link.

Comunque io consiglio, per sbagliare, di chiedere all’ufficio del commercio del COMUNE dove aprirai il tuo ristorante, perché è lui l’ente preposto al riconoscimento di questo requisito.

DEFINISCI UN BUSINESS PLAN

Definire un business plan non è obbligo legislativo ma è utile per capire le strategie imprenditoriale per un locale di successo.

Si ricorda che se si ha intenzione di chiedere una sovvenzione il business blan diventa obbligatorio. Ho comunque scritto un articolo su questo argomento.

 

ADEMPIMENTI FISCALI ED ACCESSORI CHE SERVONO PER APRIRE UN RISTORANTE

Una volta definiti i punti obbligatori precedenti potrai dedicarti agli adempimenti fiscali qui di seguito riportati:

  • Apertura partita IVA in forma individuale o costituzione di una società di persone o di capitali;
  • Dotarsi di PEC e FIRMA DIGITALE: requisiti obbligatori per le pratica agli enti pubblici;
  • Iscrizione all’ente INPS e all’INAIL;
  • Comunicazione Unica da inviare telematicamente alla Camera di commercio.

Definita la parte fiscale ti dovrai dedicare ai seguenti adempimenti normativi:

  • Decidere gli orari di apertura e chiusura del tuo locale;
  • Iscrizione al CONAI (consorzio nazionale imballaggi);
  • Autorizzazione all’esposizione insegna da comunicare al Comune con relativa tassa annuale da pagare in base alle caratteristiche dell’insegna;
  • Vuoi mettere musica di sottofondo? Allora devi pagare  i diritti alla SIAE e ai fonografici;
  • Hai intenzione di far suonare qualcuno nel tuo locale? Allora dovrai dotarti della valutazione di impatto acustico;
  • Se ha intenzione di mettere un’insegna dovrai sentire il tuo comune;
  • Possiedi un televisore nel locale? Allora ricordati che devi pagare il canone RAI per le attività commerciali;
  • Autorizzazioni e cartelli da esporre nel tuo ristorante e bar.

Per queste fasi ti consiglio di appoggiarti ad un commercialista esperto del settore.

CORSI OBBLIGATORI CHE SERVONO PER APRIRE UN RISTORANTE

Qui di seguito i corsi obbligatori che dovrai seguire per aprire il tuo ristorante:

  • Aggiornamento SAB (ex REC) , per coloro che hanno il proprio ristorante nella Regione Piemonte;
  • Corsi HACCP per il responsabile dell’igiene alimentare (OSA);
  • Corsi sulla sicurezza (obbligatori SOLO se ci sono dipendenti e soci lavoratori) nello specifico:

 

TUTTA LA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA CHE DOVRAI SCRIVERE

Prima di aprire il tuo ristorante dovrai redigere la documentazione qui di seguito riportata: 

Tutta questa documentaazione è da tenere nel locale a disposizione di eventuali controlli da parte delle autorità competenti: comune, ASL, NAS, Guardia Costiera, etc.

 

PER APPROFONDIRE: COME APRIRE UN RISTORANTE

Per sapere ancora di più su come aprire un ristorante, puoi dare un occhiata a queste risorse che ho selezionato per te:

Massimo Falsaci

Massimo Falsaci

Tecnologo Alimentare

  • Address: via Umberto I, 44 – 28822 Cannobio (VB)
  • Phone: 3282125180
  • Business Hours: 9.30 – 18.30
  • Sito

Pagina Facebook

ADV

Pin It on Pinterest

Share This