Pronto per un articolo super completo su tutto ciò che devi sapere sulla valutazione impatto acustico bar e ristorante e non avere problemi?

Perfetto, perché andremo a vedere un sacco di cose, eccole qui:

  • Che cos’è, chi può farla e a cosa serve;
  • Quando va fatta;
  • L‘autocerficazione.

Pronto per iniziare?

Valutazione impatto acustico bar e/o ristoranti: che che cos’è, chi può farla e a cosa serve

Per poter aprire un ristorante e bar dovrai far redigere, da un tecnico competente in acustica in quasi tutti i Comuni Italiani, la valutazione impatto acustico bar e ristoranti

Questa valutazione serve a valutare la rumorosità prodotta dal tuo ristorante o bar con lo scopo di ridurre al di sotto dei limiti di legge, il rumore immesso negli ambienti circostanti quali uffici e/o abitazioni.

Fai molta attenzione nello scegliere il tecnico perché deve essere iscritto all’albo regionale all’ufficio, “Settore Commercio, Servizio Pianificazione, Sviluppo e Somministrazione”.

Quando va fatta questa valutazione

Un consiglio che ti dò è di eseguire la valutazione di impatto acustico bar e ristorante durante le prime fasi progettuali dei locali in modo da evitare modifiche successive quali:

  • Controsoffitti acustici;
  • Contro pareti acustiche;
  • Ubicazione diversa: impianto di climatizzazione, celle frigorifere ed  impianti di diffusione sonora.

L’autocertificazione impatto acustico: quando è possibile farla

Accanto alla valutazione impatto acustico di un tecnico il DPR 227/2011 permette anche che il titolare autocertifichi l’impatto acustico, solo per le attività che non disturbano: ricordo che se si dichiara il falso si rischia una condanna penale.

Per evitare contenziosi con la pubblica amministrazione e anche di cause legali e litigi coi vicini non è consigliato optare per l’autocertificazione di impatto acustico quando:

  • Ci sono abitazioni sopra l’attività o nelle immediate vicinanze;
  • L’attività è posta in una zona silenziosa;
  • Ci sono unità esterne del condizionatore o dell’impianto di areazione o simili;
  • Ci sono tavolini all’esterno o plateatici;
  • Ci sono impianti di refrigerazione, cappe di aspirazione o altri impianti che impattano attraverso la costruzione;
  • Si lavora la notte dopo le ore 22.00;
  • Che non ci siano altre fonti di rumore nell’arco dei 50 metri.

Ricordo inoltre che dal febbraio 2012 se hai intenzione di fare spettacoli musicali con dj o musica dal vivo dovrai far studiare la situazione a un tecnico competente che consegnerà in comune una relazione sintetica: atto sostitutivo di notorietà firmato dal tecnico.

Valutazione impatto acustico bar e ristorante: approfondimenti

Per sapere ancora di più sulla valutazione impatto acustico bar e ristorante, puoi dare un occhiata a queste risorse che ho selezionato per te:

  • Impatto acustico: accertamenti e documentazione di Tommaso Gabrieli, Federico Fuga;
  • Regione Lombardia: modalità e criteri di redazione della documentazione di previsione di impatto acustico e di valutazione previsionale del clima acustico. 

Commenta anche tu

comments

Pin It on Pinterest

Share This