Pronto per un articolo super completo per scoprire i segreti della somministrazione nei circoli privati in Italia ed entrare nel mondo della somministrazione dei circoli?

All’interno dell’articolo ho cercato di far chiarezza su questi argomenti per la somministrazione in un circolo privato:

  • Tutti i riferimenti legislativi;
  • Che cos’è e come si apre un circolo privato;
  • La somministrazione;
  • I requisiti:
    • Soggettivi per l’attività di somministrazione;
    • Previsti dal T.U.I.R.;
  • L’orario di somministrazione;
  • L’accesso;
  • Igiene e sicurezza.

Si parte con le leggi di riferimento….per non sbagliare

SOMMINISTRAZIONE NEI CIRCOLI PRIVATI: LA LEGGE DI RIFERIMENTO

Le leggi che regolamentano il settore della somministrazione nei circoli privati sono:

 

CHE COS’E’ IL CIRCOLO PRIVATO E COME SI COSTITUISCE

Per poter aprire un’attività di somministrazione di alimenti e bevande in un circolo privato bisogna capire che cos’è e come si costituisce.

Il circolo privato è una libera associazione di persone, come riportato nell’art. 18 della Costituzione, che:

  • Si riuniscono per perseguire fini ed interessi scientifici, culturali, ricreativi, sportivi ed altri fini leciti;
  • Adottando liberamente uno statuto, che individua:
    • La sede sociale;
    • Le finalità del circolo e le modalità di accesso dei soci;
    • Gli organi sociali;
    • Le modalità delle elezioni e la gestione finanziaria e lo scioglimento.

 

COSA SERVE PER COSTITUIRE UN CIRCOLO

Per costituire un circolo, è sufficiente che poche persone si riuniscano e definiscano:

  • Uno statuto liberamente predisposto;
  • Individuino un fine sociale lecito;
  • Definiscano:
    • L’ambito di intervento (culturale, sociale, di aiuto, ecc.);
    • Le quote annuali sociali, il patrimonio necessario al suo funzionamento, la
      durata, la sede sociale.
  • Identifichino le cariche sociali;
  • Determinino le modalità di accesso alla qualità di socio.

Non è necessaria la:

  • Presenza del notaio;
  • Forma pubblica e la conseguente registrazione dell’atto costitutivo;

 

LE AUTORIZZAZIONI OBBLIGATORIE PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NEI CIRCOLI PRIVATI

Il rilascio dell’autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande nei circoli privati è legato al DPR 4 aprile 2001, n. 235.

Il DPR in questione suddivide le autorizzazioni della somministrazione di alimenti e bevande nei circoli privati in due categorie:

  • Associazioni e circoli aderenti a enti o organizzazioni nazionali:
    • Aventi finalità assistenziali;
    • Riconosciute dal Ministero dell’Interno.
  • Circoli ed associazioni non aderenti a enti o organizzazioni nazionali aventi finalità assistenziali.

Per aprire una attività di somministrazione il legale rappresentante del circolo deve presentare la scia, accedendo al seguente link, inserendo le seguenti informazioni:

  • L’Ente nazionale con finalità assistenziali al quale aderisce;
  • Il tipo di attività di somministrazione;
  • L’ubicazione e la superficie dei locali adibiti alla somministrazione;
  • Che:
    • L’associazione si trova nelle condizioni previste dall’art. 111, co. 3, 4-bis e 4-quinques del Testo Unico delle imposte sui Redditi;
    • Il locale è conforme alle norme e prescrizioni in materia di edilizia, igienico sanitaria e ai criteri di sorvegliabilità stabiliti dal Ministero dell’Interno.

 

I REQUISITI SOGGETTIVI PER L’ATTIVITA’ DI SOMMINISTRAZIONE NEI CIRCOLI PRIVATI

I requisiti soggetti per l’attività di somministrazione nei circoli privati sono:

  • Morali;
  • Professionali solo quando l’attività di somministrazione è affidata in gestione a terzi.

 

I REQUISITI PREVISTI DAL TUIR

La gestione del circolo privato è gestito dal Testo Unico delle imposte sui redditi (T.U.I.R.) dopo sono riportati tutti i requisiti per aprire una attività di somministrazione nei circoli privati.

La perdita dei requisiti previsti dal T.U.I.R. comporta la revoca dell’autorizzazione alla somministrazione.

 

L’ORARIO DI SOMMINISTRAZIONE NEI CIRCOLI PRIVATI

I circoli che non sono riconosciuti dal Ministero dell’Interno sono tenuti al rispetto degli orari individuati dal comune per tutti gli esercizi pubblici di somministrazione.

 

L’ACCESSO NEI CIRCOLI PRIVATI

Gli ufficiali hanno facoltà di accedere in qualunque ora nei locali destinati all’esercizio di somministrazione secondo quanto previsto dall’art. 16 del T.U.L.P.S.

Il rifiuto alla richiesta di accedere nei locali dei circoli può costituire abuso della persona autorizzata e può portare a sospensione o revoca dell’autorizzazione rilasciata.

 

TUTTI I CORSI OBBLIGATORI PER APRIRE UN RISTORANTE IN UN CIRCOLO PRIVATO

Per aprire un ristorante all’interno di un circolo privato dovrai seguire i seguenti corsi:

DOCUMENTI OBBLIGATORI DA REDIGERE PER LA SOMMINISTRAZIONE IN CIRCOLI PRIVATI

I documenti obbligatori che dovrai redigere per il tuo ristorante in un circolo privato sono:

Commenta anche tu

comments

Pin It on Pinterest

Share This