Il servizio self service nel ristorante è uno degli elementi che viene molte volte sottovalutato perchè non si tiene presente che questo tipo di servizio è soggetto a rischi di natura igienico sanitaria.

Ho cercato di riportare qui di seguito i segreti che non vanno assolutamente sottovalutati per evitare danni al cliente finale e sanzioni.

 

Vediamo in dettaglio tutti i segreti

 

SERVIZIO SELF SERVICE NEL RISTORANTE: I FATTORI FONDAMENTALI

Nel servizio self-service nel ristorante bisogna tenere presente i seguenti fattori fondamentali:

  1. Le condizioni di igiene della linea di distribuzione;
  2. Le temperature di mantenimento degli alimenti.

Per garantire tutto ciò, prima dell’allestimento dei banchi di distribuzione, si deve controllare lo stato di pulizia delle attrezzature e l’adeguata sistemazione delle barriere protettive degli alimenti.

PREDISPOSIZIONE DELLA LINEA RISCALDANTE

La linea riscaldante deve essere caratterizzata da:

  • Sufficiente acqua potabile nel caso di sistemi di riscaldamento a bagnomaria;
  • Idonea pulizia delle superfici delle piastre riscaldanti nel caso del riscaldamento “a secco”.

La linea è rifornita con le pietanze a ridosso dell’orario del servizio, assicurando sempre una adeguata protezione degli alimenti e condizioni di igiene del personale ottimali.

Le temperature di mantenimento deveno essere:

  • 60/65 °C per le preparazioni calde;
  • Minone di 10 °C per le preparazioni fredde.

SERVIZIO SELF SERVICE NEL RISTORANTE: I SISTEMI DI CONTROLLO

La verifica dei sistemi di lettura delle temperature, di cui i banchi espositori devono essere dotati, deve essere effettuata a ogni turno di servizio.

Eveanutali anomalie di temperatura vanno segnalate al responsabile affinché si possano ripristinare le corrette condizioni di esercizio.

Ti invito a dare un occhio all’articolo che ho scritto sul servizio self-service dove ho anche evidenziato come deve essere gestito il serizio al meglio.

 

 

 

Commenta anche tu

comments

Pin It on Pinterest

Share This