Lo scopo di questo articolo è conoscere tutto sul servizio prevenzione e protezione dai rischi sulla sicurezza dei lavoratori (D. Lgs. 81/2008) rivolti a valutare:

  • La corretta sicurezza dei lavoratori durante il ciclo di produzione;
  • Riduzione gli infortuni;
  • Il corretto e sicuro lavoro nel settore della somministrazione.

L’obiettivo principale di questa attività è evitare la riduzione degli infortuni sul luogo di lavoro derivanti dai locali, impianti e attrezzature.

 

Il Servizio Prevenzione e Protezione dai rischi sulla sicurezza dei lavoratori (SPP): che cos’è e a cosa serve.

Il Servizio Prevenzione e Protezione dai rischi sulla sicurezza dei lavoratori (SPP) è utilizzato dal Datore di Lavoro per:

  • Individuare e valutare i rischi;
  • Elaborare:
    • Le misure preventive e protettive con i relativi sistemi di controllo di tali misure;
    • Procedure di sicurezza per le varie mansioni aziendali;
  • Programmare i piani di formazione ed informazione dei lavoratori;
  • Fornire informazioni ai lavoratori;
  • Partecipare alle consultazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

 

Organizzare in azienda il Servizio Prevenzione e Protezione dai rischi sulla sicurezza dei lavoratori

Il Datore di lavoro può organizzare il servizio SPP attraverso la nomina di un RSPP (Responsabile del Servizio e Protezione):

  • Interna nella due forme:
    • Datore di lavoro seguendo un corso: fino a 30 dipendenti;
    • Dipendenti adeguatamente formati.
  • Esterna: incaricando persone o servizi esterni all’azienda.

Il servizio di prevenzione e protezione esterno è comunque obbligatorio se, all’interno dell’azienda, non vi siano soggetti in possesso dei requisiti necessari.

Capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili del Servizio Prevenzione e Protezione sulla sicurezza dei lavoratori

Per poter essere nominato RSPP il Datore di lavoro deve verificare che la persona scelta sia in possesso dei seguenti requisiti:

  • Titolo di studio: diploma di istruzione secondaria superiore;
  • Formazione: attestato di frequenza con verifica dell’apprendimento secondo quanto previsto dall’Accordo Stato- Regione del 2016.

Commenta anche tu

comments

Pin It on Pinterest

Share This