Risorse gratuite

ELENCO DI NORME UTILI PER APRIRE UN RISTORANTE

Il T.U.L.P.S

Il Titolo III, Capo II del T.U.L.P.S. annovera tra gli esercizi pubblici, di cui all’art. 86 del T.U.L.P.S. anche gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande.

Sia la Legge 287/1991 che alcune leggi regionali hanno confermato l’applicazione dell’art 86 del T.U.L.P.S. in toto o solo per la parte della  sorvegliabilità dei locali e di ogni altra disposizione statale in materia di ordine pubblico e sicurezza.

 

Legge n. 287/1991

L’attività di somministrazione è definita dall’art. 1 della Legge n. 287/1991 come “vendita per il consumo sul posto, che comprende tutti i casi in cui gli acquirenti consumano i prodotti nei locali dell’esercizio o in una superficie aperta al pubblico, all’uopo attrezzati”.

Elementi fondamentali che caratterizza la somministrazione, a differenza della vendita, sono:

  • Il consumo immediato sul posto dei prodotti acquistati;
  • Il locale o la superficie aperta al pubblico attrezzata a tal fine.

In base all’art. 3, co 6 la Legge n. 287/1991 si applica anche per la somministrazione che viene effettuata:

  • Al domicilio del consumatore;
  • Sui mezzi di trasporto pubblico;
  • In locali non aperti al pubblico quali:
    • Circoli privati;
    • Mense aziendali;
    • Mense scolastiche e ospedaliere.

Non rientrano in questa legge la somministrazione:

  • Non assistita negli esercizi di vicinato (vendita al dettaglio), come regolamentato dalla Legge n. 248/2006
  • In agriturismo che viene disciplinata dalle leggi regionali e dalla Legge n. 96 del 20 febbraio 2006;
  • Nelle strutture ricettive alle persone alloggiate, ai loro ospiti ed a coloro che vi accedono in occasioni di manifestazioni e convegni in quanto disciplinata dall’art. 9 della Legge 29 marzo 2001 n.135.

 

Il problema dell’applicabilità della Legge n. 287/1991

Il problema dell’applicabilità di questa legge è che:

  • Non è mai stato emanato il regolamento di esecuzione;
  • L’abrogazione del D.M. 4 agosto 1988, n. 375 ha fatto venire meno alcune regole che la Legge n. 287/1991 conteneva;
  • La Legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 ha modificato il sistema di riparto delle competenze legislative tra Stato e Regioni.

 

Leggi regionali

Come già accennato il mancato regolamento di esecuzione della Legge n. 287/1991 ha portato le Regioni ha disciplinare, in maniera autonoma, il settore della somministrazione come qui di seguito riportato:

 

Leggi accessorie

Accanto alle norme per aprire un ristorante completano il quadro le seguenti legge che non sono direttamente correlate:

  • R. D. 18 giugno 1931, n. 773: approvazione del testo unico delle leggi della pubblica sicurezza;
  • R.D. 6 maggio 1940, n. 635: approvazione del regolamento per l’esecuzione del testo unico 18 giugno 1931, n. 773 delle leggi di pubblica sicurezza;
  • D.M. 17 dicembre 1992, n. 564: regolamento concernente i criteri di sorvegliabilità dei locali adibiti a pubblici esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande;
  • L. 29 marzo, n. 135: riforma della legislazione nazionale del turismo;
  • D. L. 27 luglio 2005, n. 144: misure urgenti per il contrasto al terrorismo internazionale convertito, con modificazioni, in L. 31 luglio 2005, n. 155;
  • D. M. 16 agosto 2005: misure di preventiva acquisizione di dati anagrafici dei soggetti che utilizzano postazioni pubbliche non vigilate per comunicazioni telematiche ovvero punti di accesso ad internet utilizzando tecnologia senza fili, ai sensi dell’articolo 7, comma 4, del D. L. 27 luglio 2005, n. 144 convertito, con modificazioni, dalla L. 31 luglio 2005, n. 155;
  • D. Dirett. 27 ottobre 2003: determinazione del numero massimo di apparecchi e congegni di cui all’art. 110, commi 6 [e 7, lettera b] del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (TULPS), che possono essere installati presso esercizi pubblici, circoli privati e punti di raccolta di altri giochi utilizzati;
  • Regolamenti Europei del settore igienico sanitario:

    • Regolamento CE 178/2002: principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l’Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare;
    • Regolamento CE 852/2004: igiene dei prodotti alimentari;
    • Regolamento UE 11692011: etichettatura dei prodotti alimentari (allergeni nella ristoranzione).
  • Riferimenti legislativi in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro:

    • D. Lgs. 151/2005: uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonche’ allo smaltimento dei rifiuti
    • D. Lgs. 196/2003: testo unico sulla privacy.
    • D. Lgs. 81/2008: testo unico sulla sicurezza sui luoghi di lavoro;

 

Libri per approfondire l’argomento

Ho inoltre ricercato delle risorse esterni di approfondimento:

 

 

 

DISPENSE CORSI

CORSI ON LINE IGIENE E SICUREZZA

Sezione dedicata alla registrazione GRATUITA al portale di formazione per i corsi del settore alimentare:

  1. HACCP: in sostituzione del libretto sanitario.
  2. RSPP: per il Datore di Lavoro che vuole diventare responsabile della sicurezza dei lavoratori.
  3. Primo Soccorso.
  4. Antincendio.
  5. Formazione dei lavoratori.

Pin It on Pinterest

Share This