La figura del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (come richiesto dal D. Lgs. 81/2008) è rivolta a:

  • Tutelare la sicurezza dei dipendenti;
  • Ridurre gli infortuni sul luogo di lavoro.

IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA NEL SETTORE DELLA RISTORAZIONE: LE DIVERSE TIPOLOGIE

Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza nel settore della ristorazione può essere di diverse tipologie:

  • Aziendale: RLS
  • Territoriale: RTLS.

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA AZIENDALE

Il Rappresentate dei lavoratori per la sicurezza aziendale nel settore della ristorazione è eletto:

  • Fino a 15 lavoratori:
    • Dai lavoratori dell’azienda al loro interno;
    • O individuato per più aziende nell’ambito territoriale.
  • Con più di 15 lavoratori:
    • Tra le rappresentanze sindacali in azienda;
    • O eletto dai lavoratori dell’azienda al loro interno.

Il numero minino di RLS è:

  • Uno: aziende sino a 200 lavoratori;
  • Tre: aziende da 201 a 1000 lavoratori;
  • Sei: aziende oltre 1000 lavoratori.

RAPPRESENTANTE TERRITORIALE PER LA SICUREZZA

Il RTLS:

  • Esercita le competenze del RLS per tutte le aziende del territorio;
  • E’ individuato dagli accordi collettivi nazionali stipulati dalle associazioni di categoria e dei datori di lavoratori.

LA CONSULTAZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza viene consultato:

  • Prima della valutazione del rischio e dell’accettazione del piano di sicurezza;
  • Per la designazione dei responsabili della sicurezza:
  • Per organizzare la formazione obbligatoria;
  • Nella scelta dei DPI per il rischio rumore;
  • Nell’adozione di misure relative alla:
    • Manutenzione;
    • Esposizione ad agenti cancerogeni e mutageni;
  • Sulle misure da adottare per esposizione ad amianto.

Si ricorda che il RLS riceve informazioni sulla valutazione del rischio e copia del DVR.

 

Commenta anche tu

comments

Pin It on Pinterest

Share This