Lo scopo della procedura di manutenzione dei locali, degli impianti e delle attrezzature è di garantire il mantenimento dell’idoneità delle:

  • Strutture edilizie del locale dove si svolge il servizio di somministrazione;
  • Attrezzature utilizzate in modo da non compromettere l’igiene delle produzioni.

L’obiettivo principale di questa procedura è evitare le contaminazioni crociate (biologiche, chimiche e fisiche) derivanti dai locali, impianti e attrezzature.

Procedura di manutenzione dei locali, degli impianti e delle attrezzature: riferimenti legislativi di questa procedura sono

I riferimenti legislativi della procedura di manutenzione dei locali, degli impianti e delle attrezzature sono:

La responsabilità di questra procedura

La responsabilità di questa procedura è affidata all’incaricato dell’autocontrollo (OSA) che deve:

  • Vigilare sulla corretta attuazione di questa procedura;
  • Prendere i provvedimenti necessari per renderla efficace.

Descrizione delle attività

In questa procedura vanno descritte tutte le operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria, e le relative frequenze, che riguardano:

  • Le strutture esterne ed interne e i servizi ausiliari: per esempio i servizi igienici e servizi idrici;
  • Gli impianti: per esempio i condizionatori della temperatura e le attrezzature.

Qualunque non conformità verrà immediatamente registrata nel modulo delle non conformità e il responsabile dell’autocontrollo provvederà al ripristino delle condizioni d’idoneità.

 

Procedura di manutenzione dei locali, degli impianti e delle attrezzature: la documentazione da allegare

Sono da ritenersi correlati alla procedura di manutenzione dei locali, degli impianti e delle attrezzature la seguente documentazione:

  • Identificazione di:
    • Principali impianti ed attrezzature;
    • Ounti di erogazione dell’acqua;
    • Aree di stoccaggio dei rifiuti;
  • Libretto di uso e manutenzione e/o schede tecniche delle attrezzature;
  • Documentazione di avvenuto interventi di manutenzione:
    • Ordinaria;
    • Straordinaria;
  • Raccolta delle non conformità rilevate e delle azioni correttive messe in atto.

 

Sanzioni previste

Le sanzioni previste sono di natura amministrativa pecuniaria e vanno da:

  • MILLE a SEIMILA euro, qualora il responsabile non tenesse a disposizione o si rifiutasse di fornire alle autorità competenti le informazioni concernenti il sistema di autocontrollo, in vigore nella sua attività;
  • MILLE a NOVEMILA euro, per la mancata o non corretta attuazione del sistema autocontrollo presso la sua attività.

Ulteriore sanzione qualora il responsabile non provveda ad eliminare le irregolarità del sistema di autocontrollo, riscontrate dalle autorità sanitarie, entro il termine prefissato.

È previsto anche l’arresto qualora non si dimostri davanti al tribunale che si è implementato un sistema di prevenzione e controllo.

Commenta anche tu

comments

Pin It on Pinterest

Share This