Obiettivo principale della procedura di gestione dei materiali e oggetti a contatto alimenti (MOCA) è di fare in modo che i MOCA non determino una modifica dell’alimento rendendolo pericoloso per la salute del consumatore.

Per fare chiarezza sui MOCA ti ricordo che rientrano sotto questo acronimo:

  • Utensili, stoviglie e pentole;
  • Attrezzature e macchinari;
  • Contenitori e pellicole.

PROCEDURA DI GESTIONE DEI MATERIALI E OGGETTI A CONTATTO ALIMENTI: COSA DICE LA LEGGE

Qui di seguito ti riassumo tutte le leggi che hanno a che fare con la procedura di gestione dei materiali e oggetti a contatto alimenti:

 

IL RESPONSABILE DI QUESTA PROCEDURA

Il responsabile è l’incaricato dell’autocontrollo (OSA) che deve:

  • Tenere sempre d’occhio la corretta implementazione di questa procedura;
  • Decidere tutte le azioni necessarie per fare in modo chela procedura diventi efficace.

COSA BISOGNA SCRIVERE IN QUESTA PROCEDURA

Nella presente procedura dovrai descrivere tutte le attività di manutenzione (ordinaria e straordinaria), e verificare inoltre:

  • L’idoneità dei MOCA;
  • Come vengono utilizzati;
  • Rintacciabilità e il loro relativo ritiro dal mercato.

Tutte le non conformità vengono registrate nella schede delle non conformità in modo che l’OSA provveda al ripristinare l’idoneità.

 

GLI ALLEGATI DELLA PROCEDURA DI GESTIONE DEI MATERIALI E OGGETTI A CONTATTO ALIMENTI

La documentazione che va allegata procedura di gestione dei materiali e oggetti a contatto alimenti è:

  • Dichiarazione di conformità attrezzature, apparecchiature e macchinari:
    • Utilizzati per il confezionamento delle materie prime;
    • Destinati a venire a contatto con gli alimenti;
  • Il registro fornitori;
  • Tutte le non conformità.

 

PROCEDURA DI GESTIONE DEI MATERIALI E OGGETTI A CONTATTO ALIMENTI: SISTEMA SANZIONATORIO

Il sistema sanzionatorio è caratterizzato da:

  • Mancanza della procedura MOCA: MILLE a SEIMILA euro;
  • Non applicazione della procedure MOCA: MILLE a NOVEMILA euro;
  • Mancato ritiro dal commercio di contenitori pericolosi per la salute del consumatore: CINQUEMILA a TRENTAMILA euro.

Commenta anche tu

comments

Pin It on Pinterest

Share This